La verità sull'eiaculazione che ti stupirà

eiaculazione

Ti sei mai chiesto perché avviene l'eiaculazione?

È una domanda che immagino non ti sarai mai fatto, eppure ti assicuro che la risposta ti sorprenderà, e ti aiuterà ad affrontare meglio questo fenomeno.

Fermati, so già a cosa stai pensando: e perché dovrebbe interessarmi capire perché avviene l'eiaculazione? Io d'altronde voglio soltanto durare di più a letto...

La verità è che capire bene le dinamiche di questo fenomeno non solo ti lascerà a bocca aperta, ma anche ti aiuterà a migliorare il tuo approccio con il sesso.

E non è finita qui: capire esattamente perché avviene l'eiaculazione ti fornirà le basi per affrontare correttamente il problema dell'eiaculazione precoce, che poi è quello che ti interessa.

Direi che ne vale la pena quindi, non credi?

A questo aggiungici il fatto che quello che ti dirò molto probabilmente non lo sentirai da nessun'altra parte, visto che l'eiaculazione viene banalmente vista come un semplice processo fisiologico.

Apri quindi bene le orecchie, e preparati a cambiare per sempre il tuo atteggiamento nei confronti di questo fenomeno...

Una verità che arriva da lontano...

Domanda molto semplice: ma a che serve l'eiaculazione?

Sembra una domanda banale, ma pensaci...

Generalmente l'eiaculazione viene interpretata come un problema, come un qualcosa da evitare a tutti i costi se si vuol soddisfare la propria donna.

La verità, invece, è che l'eiaculazione è un processo assolutamente normale e naturale, con un fine ben preciso: procreare.

Ebbene sì, l'obiettivo dell'eiaculazione è la procreazione,​​​ quell'istinto naturale presente in tutti gli esseri viventi, uomo compreso.

Non è quindi nulla di patologico, anzi.

Se non esistesse l'eiaculazione probabilmente io non avrei scritto questo articolo, e tu non saresti qui a leggerlo.

Capire questo concetto, per certi versi anche banale, ti deve aiutare a cambiare la tua concezione di questo fenomeno.

Ora che sai perché essa avviene, smettila di vederla come un problema ed un qualcosa da evitare, perché non ha senso.

Inizia invece a vederla sotto un'ottica positiva: è un fenomeno assolutamente naturale e che non va evitato.

Con questo non sto assolutamente dicendo che dovrai rassegnarti ad una vita da eiaculatore precoce, anzi...

Comprendere bene questo concetto ti aiuterà a vivere meglio la tua sessualità e, di conseguenza, a gestire meglio la tua eiaculazione.

Gestire, è proprio questa la parola chiave.

Ora che sai che si tratta di un qualcosa di inevitabile, potrai concentrarti a capire quali sono le basi della gestione dell'eiaculazione.

Anche qui, però, ci sono un paio di concetti da fare tuoi prima di proseguire....

Ma è possibile gestire l'eiaculazione?

Prima di rispondere alla domanda, ti svelo un segreto.

Lo sapevi che l'essere umano è, per natura, un eiaculatore precoce?

No, non sto scherzando, è la verità.

L'uomo, come quasi qualsiasi altro essere vivente di sesso maschile, è infatti programmato per raggiungere l'orgasmo molto più in fretta rispetto alla donna.

L'uomo raggiunge infatti l'orgasmo, in media, in 2-6 minuti, mentre la donna necessita di almeno il doppio.

E non siamo nemmeno male, se consideriamo che la media per gli altri mammiferi maschi è di appena una manciata di secondi!

Capirai quindi il motivo per cui tanti uomini eiaculano precocemente: è la natura che ci ha fatti in questo modo, per un motivo ben preciso.

Quale?

Anche qui, torniamo al discorso di prima: per procreare.

Pensaci un attimo: cosa accadrebbe se la donna raggiungesse l'orgasmo prima dell'uomo?

Semplice, non ci sarebbe procreazione.

È proprio per questo motivo che l'uomo raggiunge l'orgasmo molto più in fretta e, di conseguenza, eiacula prima che la donna arrivi al piacere.

Anche in questo caso è quindi necessario che tu comprenda bene che non siamo fatti per durare tanto a letto, pertanto, come spiego anche in altri articoli di questo sito, è inutile farsi troppe paranoie su questo problema.

La cosa importante è capire questi concetti, in modo tale da poter sfruttare gli svantaggi che la natura ci ha donato a nostro favore, vediamo come...

Come ritardare l'eiaculazione

Ora che sai che è impossibile evitare l'eiaculazione e ora che sai perché essa avviene, possiamo concentrarci sulle pratiche per ritardarla.

Prima però una cosa: le informazioni che ti ho dato, è raro che le trovi in giro.

Si tratta di concetti assolutamente logici e quasi banali, ma praticamente nessuno vede l'eiaculazione come un fenomeno assolutamente naturale, con tutti i mali che questo comporta...

Sbagliare a interpretare un problema all'inizio impedisce infatti di trovare soluzioni pratiche efficaci, perché i presupposti su cui queste si baseranno sono errati.

Chi vede l'eiaculazione come un banale processo fisiologico o, peggio ancora, come un qualcosa di negativo, non saprà fare altro che consigliarti qualche pastiglietta, proprio perché interpreterà la tua situazione come una malattia.

Venendo ai metodi per ritardare l'eiaculazione che invece suggerisco, il mio consiglio è questo: è bene che ti concentri su tutta una serie di tecniche che, partendo dai concetti visti in precedenza e da una conoscenza delle dinamiche di questo fenomeno, ti aiutino a sfruttare in maniera intelligente questi difetti presenti in ognuno di noi.

Sto parlando ad esempio di tecniche mentali, tecniche di respirazione, tecniche di controllo della muscolatura pelvica, ecc, tutte nate attraverso l'esperienza.

Con queste tecniche sarai in grado di gestire l'eiaculazione: è chiaro che non la eviterai, però riuscirai a durare molto di più a letto, e a soddisfare la tua donna, che è quello che conta maggiormente.

Come fare quindi?

Per iniziare ti consiglio di accedere immediatamente al mio ebook gratuito I 5 pilastri per sconfiggere l'eiaculazione precoce, in cui ti svelo il percorso che ho studiato personalmente per ritardare l'eiaculazione!

I 5 pilastri per sconfiggere l'eiaculazione precoce cover

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail per ricevere GRATUITAMENTE l'ebook

Clicca qui per lasciare un commento... 0 commenti

Scrivi qui il tuo commento: